Posts Tagged “MBR”

 

Il metodo che ho sempre usato, ogni qual volta ho avuto la necessità di ripristinare il bootloader (Grub2), è stato quello del chroot. Ho preso questa abitudine dopo che mi sono accorto un bel po di tempo fa, che spesso ii metodi "normali" non sempre mi funzionavano. Invece questo metodo non ha mai fallito.

 

Requisiti:

Cd live, della stessa architettura del sistema da recuperare.

 

$ sudo fdisk -l
$ sudo mount /dev/sdXX /mnt
$ for i in /dev /dev/pts /proc /sys; do sudo mount -B $i /mnt$i; done
$ sudo chroot /mnt
# grub-install /dev/sdX
  CTRL-D
$ sudo reboot

 

enjpy ;)

Tag:, ,

Comments 6 Commenti »

 

Metto nero su bianco qualche informazioni su Debian GNU/kFreeBSD con filesystem ZFS, dato che in rete non è che ci sia tanto, o meglio, non sono in tanti quelli che hanno un installazione su hard disk ed un blog dove condividere l'esperienza. Inizio subito col segnalare che al momento si può installare solo su sistemi a 64bit-amd64.

Download kfreebsd-zfs-amd64

Download ultima versione febbraio 2011

La prima parte dell'installazione procede velocemente, quando si arriva al partizionamento del disco, le cose diventano lentissime. Una volta create le partizioni di  / e swap, l'installer ci metterà circa 4-5 minuti per avviare la finestra di conferma di scrittura dei dati su hard disk, ed altri 6-7 minuti per formattare la partizionie (15G) ed avviare l'installazione del sistema di base. Preciso questo, in quanto nei 2 procedimenti lentissimi sopra elencati, e facile credere che qualcosa sia andato storto e quindi abortire l'installazione, causa anche una ingannevole finestra blu totalmente immobile. Il resto dell'installazione fila liscia, e quando si arriva all'installazione di Grub, bisogna per forza installarlo nel MBR, anche se al riavvio non troveremo più le altre voci dei diversi OS, questo perchè abbiamo bisogno di conoscere l' uuid (il comando blkid non dà l'uuid della partizione zfs), e la partizione zfs da linux non si monta. Una volta avviato Debian GNU/kFreeBSD, montiamo una partizione ext3 (con ext4 non funziona, o comunque io non so come montarla):

identificare la partizione:

$ ls /dev/|grep ^ad

montarla:

# mount -t ext2fs /dev/adXX /mnt

a questo punto copiamo grub.cfg nella partizione ext3

# cp /boot/grub/grub.cfg /mnt/grub.cfg.kfreebsd

adesso non ci rimane che ripristinare da cd live Grub, per riavere tutti i nostri OS, ed una volta avviato dalla nostra distribuzione abituale, possiamo copiare il menuentry del file grub.cfg.kfreebsd in /etc/grub.d/40_custom, e quindi poi fare un update-grub per trovare la voce di Debian GNU/kFreeBSD 8.1-1-amd64 nel menù di Grub.

es: menuentry:

menuentry 'Debian GNU/kFreeBSD, with kFreeBSD 8.1-1-amd64' –class debian –class gnu-kfreebsd –class gnu –class os {
    insmod part_msdos
    insmod zfs
    set root='(hd0,9)'
    search –no-floppy –fs-uuid –set d33229d75b9005cc
    echo            'Loading kernel of FreeBSD 8.1-1-amd64 …'
    kfreebsd        //@/boot/kfreebsd-8.1-1-amd64.gz
    insmod part_msdos
    insmod zfs
    set root='(hd0,9)'
    search –no-floppy –fs-uuid –set d33229d75b9005cc
    kfreebsd_module_elf    //@/lib/modules/8.1-1-amd64/opensolaris.ko
    kfreebsd_module_elf    //@/lib/modules/8.1-1-amd64/zfs.ko
    insmod part_msdos
    insmod zfs
    set root='(hd0,9)'
    search –no-floppy –fs-uuid –set d33229d75b9005cc
    kfreebsd_module        //@/boot/zfs/zpool.cache type=/boot/zfs/zpool.cache
    set kFreeBSD.vfs.root.mountfrom=zfs:debian-ad0s9
    set kFreeBSD.vfs.root.mountfrom.options=rw
}

 

enjoy ;)

Tag:, , ,

Comments 5 Commenti »

Quando si configura un computer, per un dual boot tra linux e windows, bisogna ricordarsi, che windows va installato per prima, poichè, mentre linux da sistema democratico qual'è, riconosce la presenza di un altro os, windows invece se ne sbatte, e sovrascrive l'MBR, rendendo di fatto impossibile la scelta dell'alltro os. Nel caso ciò avvenisse, il tutto si puo risolvere servendosi di un cd live. Una volta avviato il sistema dal cd live, dobbiamo montare la partizione su cui è installato linux. Nel caso non si sapesse quale sia, usare:

 

fdisk -l

quindi montiamola con

 

mount -t ext3 /dev/hda1 /mnt

chiaramente sostituire hda1 con la propria partizione corrispondente. Nel caso si avesse una partizione separata per /boot, bisogna montare anche quella

 

mkdir /mnt/boot mount -t ext3 /dev/hda2 /mnt/boot

montiamo anche i file system /dev e proc

 

mount –bind /dev/ /mnt/dev mount –t proc proc /mnt/proc

adesso ci chrootiamo

 

chroot /mnt

quindi entriamo in Grub e diamo i seguenti comandi

 

grub root (hd0,1)

setup (hd0)

quit

dove hd0,1 e hd0 si riferiscono alla prima partizione del primo disco. Per evitare tale procedura si può fare il backup dell' MBR, seguendo questa procedura. Un'altro tool molto utile, è usare Super Grub Disk, scaricabile sia come immagine floppy, sia come cd-rom.

Tag:,

Comments 13 Commenti »

Tutti noi conosciamo cos’è l’ MBR (master boot record), e tutti noi specialmente all’inizio lo abbiamo temuto, soprattutto, quando si installava quella specie di os, che costa tanto, e non ti da niente, nemmeno un programma, anzi no, uno c’è, notepad.exe. Comunque, come tutti sappiamo, nell’ MBR viene installato il boot loader e archiviata la tabella delle partizioni . Quindi nel caso si sminchiasse, per noi sarebbe una perdita di tempo, ed anche un’incazzatura. Quindi siccome prevenire è meglio che curare, in nostro aiuto ci viene incontro il comando dd, che ci salva i primi 512 byte del disco.

 

# dd if=/dev/sda of=~/mbr.img bs=512 count=1

Et voilà. Adesso è al sicuro. Per controllare il contenuto usiamo:

 

od -xa mbr.img

Per ripristinarlo usiamo:

 

dd if=mbr.img of=/dev/sda bs=512 count=1

 

Tag:, ,

Comments 4 Commenti »